“Tra i sindaci c’è un male comune: quello di disinteressarsi spesso degli animali del proprio territorio e di cedere la patata bollente ai volontari”. La denuncia, perentoria, viene dal segretario nazionale del partito politico Rivoluzione Ecologista Animalista, Gabriella Caramanica, che in una nota sottolinea: “Infatti, nel momento in cui si cerca di sollecitare – come facciamo costantemente noi – un loro intervento nel rispetto della normativa vigente, i primi cittadini o scappano, o non rispondono al telefono – come accaduto nel caso del sindaco di Davoli -, o si chiudono in un assordante silenzio istituzionale, o decidono proprio di non intervenire – come successo per la colonia felina in pericolo nel Comune di Licata -. O, peggio ancora, preferiscono blindarsi e nascondersi dietro giustificazioni amministrative ed economiche, sottolineando che i bilanci sono in rosso, o i fondi per il contrasto al randagismo pochi. Parole, parole, parole. Insomma siamo di fronte a un totale disinteresse da parte delle istituzioni locali e a una totale inosservanza delle leggi da parte dei sindaci, che nuoce gravemente alla salute e ai diritti degli animali. Per questa ragione Rivoluzione Ecologista Animalista vuole porre l’accento sulla vergognosa situazione in atto in tanti comuni italiani inadempienti: una realtà allarmante, che condanniamo con fermezza e che auspichiamo possa far ragionare le coscienze di tanti sindaci, che – lo ricordiamo – rappresentano la prima autorità del territorio preposta al benessere animale. Basta con queste inefficienze, basta con questo immobilismo”, conclude il segretario Caramanica.

Di Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.