Alvei dei fiumi pieni di detriti, edificazione selvaggia, tombini costantemente ostruiti

“Seguiamo con partecipe trepidazione le notizie provenienti dalle Marche ed esprimiamo tutta la nostra solidarietà a quelle popolazioni per la sciagura provocata dal nubifragio. Ė assodato che qualche responsabilità è attribuibile al clima che muta. Ma non solo”. Lo dichiara il presidente di AssoTutela Michel Maritato che attacca: “Non possiamo nasconderci dietro a un dito: qui pesano incuria e ritardi sul dissesto del territorio. Non si può morire di pioggia nel 2022 e l’opinione pubblica pretende entro breve tutta la verità. Per tutta l’estate abbiamo subito ore e ore di servizi televisivi che evidenziavano la grave crisi dovuta alla siccità con i letti dei fiumi asciutti. Ci chiediamo e chiediamo: perché nessun amministratore o addetto ha approfittato per fare lavori di prevenzione? Fino a qualche settimana fa i fiumi erano in secca e si potevano benissimo risanare letto e argini per prevenire le esondazioni, non si possono scaricare tutte le responsabilità sul clima. Per non parlare – aggiunge il presidente – della dissennata abitudine di costruire vicino all’alveo di torrenti e fiumare. Tutta Italia si contraddistingue per tale scempio, insopportabile in condizioni climatiche normali, figuriamoci con il nostro clima. Occorre avviare una seria riflessione sull’edilizia e l’urbanistica. I comuni devono dotarsi tutti di un servizio geologico, attualmente poco presente negli enti locali. In tal modo si passerebbe ai fatti e non ci si fermerebbe alle supposizioni da presunto cambiamento climatico che, in realtà, si chiama mancata manutenzione”, chiosa Maritato.

Di Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.